Products, help and information

Qualità dell'aria

In questa sezione troverete informazioni sulla qualità dell'aria, che è correlata all'inquinamento (ad esempio indice di qualità dell'aria) e / o altre particelle nell'aria (ad esempio la profondità ottica dell'aerosol), che influenzano la chiarezza dell'atmosfera.
Né la Commissione Europea, né ECMWF né meteoblue sono responsabili per qualsiasi uso che possa essere fatto delle informazioni qui presentate. Le previsioni sono emesse da un modello atmosferico con una risoluzione di 12 km. I dati previsti potrebbero non essere correlati a sufficienza con le concentrazioni reali. Si prega di consultare la propria agenzia di qualità dell'aria locale, in particolare in caso di picco d'inquinamento o di allarme inquinamento.

Indice di qualità dell'aria

L'indice di qualità dell'aria (senza dimensioni) indica la pulizia o l'inquinamento dell'aria. L'ozono superficiale, il particolato, il monossido di carbonio, il biossido di zolfo e gli ossidi di azoto sono valutati come inquinamento. Un indice alto (> 100) indica un'aria inquinata, combinata con possibili rischi per la salute. A seconda di come reagiscono le persone sensibili, i pericoli possono variare.

Indice di qualità dell'aria Inquinamento dell'aria Implicazioni sulla salute
0 a 50 Eccellente Nessuna conseguenza sulla salute
51 a 100 Bene Pochi individui ipersensibili dovrebbero ridurre l'esercizio all'aperto
101 a 150 Leggermente inquinato Possono verificarsi lievi irritazioni, gli individui con problemi respiratori o cardiaci dovrebbero ridurre l'esercizio all'aperto
151 a 200 Moderatamente inquinato Possono verificarsi alcune irritazioni, le persone con problemi respiratori o cardiaci dovrebbero ridurre l'esercizio all'aperto
201 a 300 Pesantemente inquinato

Le persone sane saranno notevolmente influenzate.

Le persone con problemi respiratori o cardiaci sperimenteranno una ridotta resistenza nelle attività. Questi individui e anziani dovrebbero rimanere al chiuso e limitare le attività

300+ Gravemente inquinato

Le persone sane sperimenteranno una ridotta resistenza nelle attività.

Ci possono essere forti irritazioni e sintomi che possono scatenare altre malattie.

Anziani e malati dovrebbero rimanere in casa ed evitare l'esercizio. Le persone sane dovrebbero evitare le attività all'aperto.

Europa - Indice CAQI

Il Common Air Quality Index (CAQI) è un indice di qualità dell'aria utilizzato in Europa dal 2006.
Il CAQI è un numero su una scala da 1 a 100, dove un valore basso significa una buona qualità dell'aria e un valore elevato significa cattiva qualità dell'aria. L'indice è definito in entrambe le versioni orarie e giornaliere e separatamente vicino alle strade (un "roadside" o indice "traffico") o lontano dalle strade (un indice "sfondo"). meteoblue mostra l'indice di sfondo perché i modelli meteorologici non possono riprodurre differenze su piccola scala lungo le strade. Pertanto, le misurazioni lungo le strade mostreranno valori più alti.
Alcune delle principali densità di inquinanti in μg / m3 per l'indice di sfondo orario, i corrispondenti sottoindici e cinque intervalli CAQI e descrizioni verbali sono le seguenti.

Nome qualitativo Indice o sottoindice Densità di sostanze inquinanti (orarie) in μg/m3
NO2 PM10 O3 PM2,5
Molto basso 0-25 0-50 0-25 0-60 0-15
Basso 25-50 50-100 25-50 60-120 15-30
Medio 50-75 100-200 50-90 120-180 30-55
Alto 75-100 200-400 90-180 180-240 55-110
Molto alto >100 >400 >180 >240 >110

Concentrazione d'ozono

L'ozono (O3) è un gas traccia, che risiede principalmente nella stratosfera (90%) con un picco a un'altitudine di 25 km (strato d'ozono), dove assorbe la dannosa radiazione UV solare. L'altro 10% risiede nella troposfera. Vicino alla superficie terrestre, l'ozono è un inquinante nocivo, che può causare danni ai polmoni e ad altri organi. L'inquinamento da ozono antropogenico nella troposfera inferiore è causato principalmente nelle aree urbane in cui l'ozono è il risultato di reazioni fotochimiche degli ossidi di azoto e dei carboni di idrogeno. L'ozono troposferico è distribuito in modo ineguale e le concentrazioni variano.
La concentrazione d'ozono è espressa in microgrammi per metro cubo (μg/m3) nonché in frazione molare (parti per miliardo, ppb) o unità Dobson (DU), che indica l'ozono della colonna totale. Le unità Dobson mostrano lo spessore teorico (in unità di 10 μm) dello strato che formerebbe il gas, se impostato a temperatura standard (0°C) e pressione (1013,25 hPa). Ad esempio, 300 DU d'ozono formerebbero uno strato di 3 mm di spessore.
L'ozono può essere trovato in superficie ma anche molto in alto nell'atmosfera. L'ozono superiore dell'aria nella stratosfera ci protegge dalle radiazioni UV-C e UV-B molto dannose. La mancanza di questo ozono stratosferico è nota come buco dell'ozono che può portare a gravi rischi per la salute, specialmente nell'emisfero australe. Per queste ragioni, un'alta concentrazione di ozono nella stratosfera è positiva, ma vicino alla superficie può essere dannoso per la salute umana. Le mappe di meteoblue mostrano la concentrazione di ozono in superficie. L'ozono nell'aria che respiriamo può danneggiare la nostra salute, specialmente nelle calde giornate di sole in cui l'ozono può raggiungere alte concentrazioni. Anche livelli relativamente bassi di ozono possono causare effetti sulla salute. La maggior parte a rischio di respirare aria contenente ozono sono persone con asma, bambini, anziani e persone che sono attive all'aperto, in particolare i lavoratori all'aperto.
L'ozono può:
• Rendere più difficile respirare profondamente e vigorosamente
• Provocare mancanza di respiro e dolore durante l'inspirazione profonda
• Provocare tosse e gola irritata o irritata
• Infiammare e danneggiare le vie respiratorie
• Provocare malattie polmonari aggravate come asma, enfisema e bronchite cronica
• Aumentare la frequenza degli attacchi d'asma
• Rendere i polmoni più suscettibili alle infezioni
• Continuare a danneggiare i polmoni anche quando i sintomi sono scomparsi
• Causare la malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO)

Polline

Attualmente forniamo previsioni di polline di Betulla, Graminacee e Olivo. Il polline di betulla è uno degli allergeni più diffusi nell'aria durante la primavera, o più tardi nell'anno alle alte latitudini. Durante la fioritura, germogli rilasciano piccoli grani di polline che vengono dispersi dal vento. Un singolo albero di betulla può produrre fino a cinque milioni di granuli di polline. Il polline è disperso dalle correnti d'aria e può essere trasportato su grandi distanze. Mostriamo quindi la previsione del polline sovrapposta alla velocità del vento di 10 m.
Il polline delle graminacee è il principale fattore scatenante le allergie ai pollini durante i mesi estivi. Causa alcuni dei sintomi più gravi e difficili da trattare. Nei climi umidi, la stagione delle graminacee può durare diversi mesi, nei climi più secchi la stagione è significativamente più breve, così come la stagione dei pollini di betulla e ulivo.
Le precipitazioni possono pulire l'aria dal polline, ma se è associata ai temporali, i forti venti inizialmente aumentano la concentrazione di polline.

Concentrazione di polvere nel deserto

La concentrazione di polvere nel deserto indica la quantità di polvere contenuta nell'aria del deserto ed è data in sei fasi:

Colore Concentrazione
Verde < 40 μg/m³
Verde chiaro < 80 μg/m³
Giallo < 160 μg/m³
Arancio chiaro < 450 μg/m³
Arancio scuro < 1000 μg/m³
Rosso > 1000 μg/m³

La polvere nel deserto, in alte concentrazioni, può essere vista come un velo. Le singole particelle appaiono come nuclei di condensazione e portano alla formazione di nubi.

PM10 e PM2,5

Le particelle atmosferiche (PM) sono sostanze solide o liquide microscopiche sospese nell'aria. Le fonti di particolato possono essere naturali o antropogeniche.
Di maggiore preoccupazione per la salute pubblica sono le particelle abbastanza piccole da essere inalate nelle parti più profonde del polmone. Queste particelle hanno un diametro inferiore a 10 micron (circa 1/7 dello spessore di un capello umano) e sono note come PM10. Sono tra i più pericolosi di tutti gli inquinanti atmosferici. I problemi di salute iniziano quando il corpo reagisce a queste particelle estranee. Il PM10 può aumentare il numero e la gravità degli attacchi d'asma, causare o aggravare la bronchite e altre malattie polmonari e ridurre la capacità del corpo di combattere le infezioni.
Sebbene il particolato possa causare problemi di salute per tutti, alcune persone (gli anziani, gli adulti che esercitano e quelli che soffrono di asma o di bronchite) sono particolarmente vulnerabili al PM10.
PM10 è una miscela di materiali che può includere fumo, fuliggine, polvere, sale, acidi e metalli. Il particolato si forma anche quando i gas emessi dai veicoli a motore e dall'industria subiscono reazioni chimiche nell'atmosfera. PM10 è visibile ad occhio come la foschia che pensiamo come lo smog.
Il PM10 include particelle fini note come PM2.5, che sono particelle fini con un diametro di 2,5 μm o meno. L'impatto maggiore dell'inquinamento atmosferico da particolato sulla salute pubblica è da intendersi per esposizione a lungo termine a PM2,5, che aumenta il rischio di mortalità per età, in particolare per cause cardiovascolari.

SO2 (Anidride solforosa)

L'anidride solforosa è un gas, che è invisibile e ha un odore sgradevole e acuto. Reagisce facilmente con altre sostanze per formare composti dannosi, come acido solforico, acido solforoso e particelle solfato. Le esposizioni a breve termine a SO2 possono danneggiare il sistema respiratorio umano e rendere difficile la respirazione. I bambini, gli anziani e coloro che soffrono di asma sono particolarmente sensibili agli effetti della SO2. SO2 e altri ossidi di zolfo possono contribuire alla pioggia acida che può danneggiare gli ecosistemi sensibili.
Circa il 99% del biossido di zolfo nell'aria proviene da fonti umane. La principale fonte di anidride solforosa nell'aria è l'attività industriale che processa materiali contenenti zolfo, ad esempio la generazione di elettricità da carbone, petrolio o gas contenente zolfo. Alcuni minerali contengono anche zolfo e l'anidride solforosa viene rilasciata quando vengono lavorati. Inoltre, le attività industriali che bruciano combustibili fossili contenenti zolfo possono essere importanti fonti di anidride solforosa.
L'anidride solforosa è presente anche nelle emissioni dei veicoli a motore, come risultato della combustione del carburante.

(Fonte: http://www.environment.gov.au/protection/publications/factsheet-sulfur-dioxide-so2)

CO (Monossido di carboni)

Il monossido di carbonio (CO) è un gas incolore, inodore e insapore che è leggermente meno denso dell'aria. È tossico per l'uomo quando si incontra in concentrazioni superiori a circa 35 ppm, sebbene sia prodotto anche nel normale metabolismo animale in basse quantità e si ritiene che abbia alcune normali funzioni biologiche. Nell'atmosfera, è spazialmente variabile e di breve durata, avendo un ruolo nella formazione dell'ozono a livello del suolo.
Il monossido di carbonio è presente in piccole quantità nell'atmosfera, principalmente come prodotto dell'attività vulcanica, ma anche da incendi naturali e artificiali (come incendi boschivi e incendi boschivi, bruciature di residui colturali e spazzatura di canna da zucchero). Anche la combustione di combustibili fossili contribuisce alla produzione di monossido di carbonio. Il monossido di carbonio si dissolve nella roccia vulcanica fusa ad alte pressioni nel mantello terrestre. Poiché le fonti naturali di monossido di carbonio sono così variabili di anno in anno, è estremamente difficile misurare con precisione le emissioni naturali del gas.
Il monossido di carbonio è un gas a effetto serra a vita breve e ha anche un effetto forzante radiativo indiretto elevando le concentrazioni di metano e ozono troposferico attraverso reazioni chimiche con altri costituenti atmosferici (ad esempio il radicale idrossile, OH) che altrimenti li distruggerebbe. Attraverso i processi naturali nell'atmosfera, viene infine ossidato in anidride carbonica. Il monossido di carbonio è sia di breve durata nell'atmosfera (in media circa due mesi) che spazialmente variabile in concentrazione.

NO2 (Biossido di azoto)

Il biossido di azoto è uno dei numerosi ossidi di azoto. NO2 è un intermedio nella sintesi industriale dell'acido nitrico, milioni di tonnellate di cui vengono prodotti ogni anno. A temperature più elevate è un gas bruno-rossastro che ha un caratteristico odore acuto e pungente ed è un inquinante atmosferico prominente.

La principale fonte di biossido di azoto è la combustione di combustibili fossili: carbone, petrolio e gas. La maggior parte del biossido di azoto nelle città proviene dallo scarico dei veicoli a motore. L'NO2 viene anche introdotto nell'ambiente per cause naturali, inclusa l'entrata dalla stratosfera, la respirazione batterica, i vulcani e i fulmini. Queste fonti rendono NO2 un gas traccia nell'atmosfera della Terra, dove svolge un ruolo nell'assorbire la luce solare e nel regolare la chimica della troposfera, specialmente nel determinare le concentrazioni di ozono.
Il biossido di azoto è un importante inquinante atmosferico perché contribuisce alla formazione dell'ozono, che può avere un impatto significativo sulla salute umana.

NO2:

  • infiamma il rivestimento dei polmoni e può ridurre l'immunità alle infezioni polmonari
  • provoca problemi come dispnea, tosse, raffreddore, influenza e bronchite

Profondità ottica degli aerosol

La profondità ottica è una misura di quanto bene le onde elettromagnetiche possono passare attraverso un mezzo. Pertanto, la profondità ottica degli aerosol è la misura per la riduzione della trasmissione della luce causata dagli aerosol atmosferici. Descrive l'estinzione totale della luce nella colonna atmosferica verticale, che dipende dalla lunghezza d'onda della luce e dalla quantità di aerosol atmosferici. Maggiore è il valore della profondità ottica, maggiore è la concentrazione di aerosol. Le fonti di aerosol possono essere diverse: fuoco selvaggio, polvere del deserto o inquinamento atmosferico antropogenico. La profondità ottica dell'aerosol è priva di dimensioni.

Visibilità

La visibilità è la distanza alla quale un oggetto può essere visto chiaramente. Le distanze sono espresse in metri (m). Questo valore è dato senza particelle sospese.